La musica ci accompagna un po’ in tutto ciò che facciamo: la usiamo per rilassarci, dormire, meditare, correre e… studiare!

Pare infatti che un sottofondo cadenzato aiuti ad apprendere meglio e più velocemente materie come la matematica, le lingue straniere, l’arte e la tecnologia rispetto a un ambiente tranquillo e silenzioso. A rivelarlo è uno studio del Dipartimento di Psicologia dell’Università Bicocca di Milano che ha analizzato l’influenza di diversi tipi di ritmi sulle abilità di calcolo di un gruppo di studenti, portando in evidenza come un ritmo stimolante sia in grado di aumentare sia la concentrazione sia il livello di attivazione cerebrale.

Se vuoi scoprire quali brani sono stati inseriti nella playlist tutta dedicata allo studio leggi qui http://www.ansa.it/canale_lifestyle/notizie/teen/2018/02/28/tuoni-pioggia-e-musica-meglio-del-silenzio-per-studiare.-smentiti-professori-e-genitori_569b83b9-d403-4661-850d-c5aeb1eba15b.html